Manifestazione “grotte del Carso, Tesori da svelare”

Il mondo pullula di tesori … quelli materiali come le gemme e altri minerali preziosi, oppure  quelli astratti come l’amicizia e l’arte. Esiste però anche qualcosa che racchiude le due cose: una tangibile, la roccia e una psicologica, la passione. Si trova nel Carso logo proteo1triestino, sotto i nostri piedi. E’ il meraviglioso mondo delle grotte. Stalattiti, stalagmiti e altre realizzazioni calcaree create dalla natura creano degli ambienti magici di rara suggestione che illuminati dalle lampade degli speleologi appaiono in tutto il loro millenario splendore.

La Federazione Speleologica Triestina ha voluto con un evento far conoscere il fantastico mondo del sottosuolo . Le grotte del Carso: tesori da svelare è stato proprio il titolo della manifestazione che si è svolta al palazzo del Ferdinandeo  dall’ 8 all’11 Novembre.  (continua…)

Corso di avvicinamento alla speleologia

Inizia mercoledì 3 ottobre il primo corso di avvicinamento alla speleologia organizzato dalla Scuola di Spelelogia Cesare Prez della nostra associazione in collaborazione con il gruppo dell’alpinismo giovanile e la Scuola nazionale di Spelelogia del CAI.bambini gruppo Il corso è rivolto ai ragazzi dai 5 ai 15 anni con lo scopo di farli avvicinare al meraviglioso mondo sotterraneo utilizzando correttamnete e in tutta sicurezza le tecniche spelleogiche. Al corso i ragazzi verranno suddiviso in due gruppi. I più piccoli utili e meno esperti utilizzeranno le scalette per scendere; i più grandi verranno iniziati alle tecniche di sola corda. Entrambi parteciperanno a delle lezioni teoriche che si terrannno nella sede sociale.

Fabrizio Viezzoli

XXV corso di introduzione alla Spelelogia

Inizia Venerdì 4 Maggio nella sede di Via Battisti 22 il XXV corso di Introduzione alla Spelelogia organizzato dalla Scuola di Spelelogia Cesare Prez della Associazione XXX ottobre sotto l’egidia della Scuola Nazionale di Spelelogia del CAI.
Il corso rivolto a chi ha più di 15 anni si prefigge di insegnare i primi rudimenti verso la conoscenza di quel mondo sotterraneo che proprio a Trieste ha avuto la sua nascita e la sua massima espressione. (continua…)

Terminati i lavori alla grotta Lindner

Sabato 3 dicembre sono stati definitivamente conclusi i lavori alla grotta “Antonio Federico Lindner” di S. Pelagio, con la pulizia e l’asporto del materiale rimasto nella cavità. La grotta adesso è accessibile anche ai non speleologi, purché muniti di imbrago e set da ferrata, fino al cavernone.
Un articolo più dettagliato sui lavori effettuati sarà disponibile quanto prima, incluse alcune foto dell’opera.

Sullidu e’arzane

Immagina una grotta;
Immaginala con una bella architettura: saloni ampi e alti, frane con 
massi ciclopici, facile e senza passaggi di particolare tecnicitá;
Aggiungi le concrezioni piú belle e spettacolari che tu riesca 
immaginare e applicale in maniera casuale, ma con gusto, alla grotta della tua fantasia: vele alte decine di metri, cannule, dischi, 
colonne, laghetti, pozze, spettacolari colate multicolore, pisoliti e 
ricopri il tutto con candide infiorescenze di cristalli di calcite.
Ora esagera nelle quantitá, quasi a lasciare poco spazio alla 
progressione.
Fatto? Bene… allora sappi che molto probabilmente Sullidu de Arzane é 
molto piú di quanto tu possa solo immaginare.
 

Antonio… estasiato (continua…)

Mostra fotografica sulla Grotta Germoni e Turismo Sotterraneo

Grande successo ha ottenuto la mostra fotografica sulla grotta A. Germoni che si è svolta dal 28.03.2011 al 30.04.2011 presso la Cartoleria Diemme di Trieste.Lo scopo era quello di suscitare l’interesse per la speleologia tra gli studenti universitari. L’esposizione delle foto ha  suscitato la curiosità  dei ragazzi per il  mondo misterioso delle grotte. Molti giovani, anche stranieri si sono incuriositi alla vista delle immagini e hanno fatto molte domande sulla grotta della foto, sul carso Triestino e sulle tecniche di progressione speleologica. (continua…)

Traversata Figherà-Farolfi

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

la prima mezz’oretta di avvicinamento

Quando a Ottobre dell’anno scorso ho terminato il Corso introduttivo alla Speleologia non credevo certo che appena qualche mese più tardi avrei avuto la pos­sibilità di scendere in quello che è attualmente il più grande e famoso complesso carsico d’Italia. In Cor­chia pensavo che ci sarei andato appena da lì a qual­che anno, dopo aver fatto la solita gavetta in grotte del Carso e Friuli. Invece a Marzo mi trovo a Levigliani, la Courmayeur della Speleologia, a fare colazione guar­dando foto e rilievi di gallerie e abissi che hanno fat­to la storia di questa attività. Ho una certa apprensio­ne a pensarmi lì dentro. Finora non ho mai fatto per­manenze in grotta più lunghe di 5 ore. (continua…)

Corso di aggiornamento tecnico per istruttori in Preta

Corso aggiornamento istruttori in Spluga della Preta.

DSC05345

il gruppo alla sala nera, il fondo storico dell’abisso

Continua l’attività “fuori porta” dei soci del gruppo grotte della xxx ottobre. Tra i giorni 24-28 settembre tre istruttori del GG AXXXO (Fabrizio Viezzoli, Francesco  Agostini e Marco di Gaetano quest’ultimo aggregato alla Trenta ma socio della “Commissione Grotte E. Boegan”) hanno affrontato e disceso una delle cavità più affascinanti e famose del territorio italiano: la Spluga della Preta. Il gruppo era formato anche da altri cinque istruttori della Scuola Nazionale di Speleologia provenienti dalle zone di Padova, Pisa e Forlì (INS Giovanni Ferrarese e IS Cristiano Zoppello da Padova;  IS Bucarelli Giovanni – e IS Vacca Pascal da Pisa; IS Rossi Giovanni da Forlì) e l’iniziativa faceva parte dell’annuale corso di Aggiornamento Tecnico per Istruttori. (continua…)