Su Bentu

dscn6148

“Allora? Facciamo un ultimo controllo prima di partire? Che tanto qualcosa ci dimentichiamo comunque.”

“Vai.”

“Roba da scalata?”

“C’è.”

“Apnea e pesca subacquea?”

“C’è.”

“Mangiare, dormire e taniche per l’acqua?”

“Sì sì, ci dovrebbero essere.”

“Vabbè, al massimo mangiamo fichi. Roba da grotta invece? L’hai presa?”

“Anche quello? Guarda che poi non ci stiamo più noi!”

“Ma Su Bentu?”

“Eh sì, Su Bentu…”

Ed è così che anche l’attrezzatura da grotta – l’essenziale, ben inteso, perché corde e compagnia non entravano proprio – partì con noi per la Sardegna. A dirla tutta, nemmeno sapevamo se saremmo riusciti ad entrare nella grotta ‘più bella del mondo’, così come ce l’avevano descritta amici e conoscenti. (altro…)

Doppia uscita settembrina

Doppia uscita settembrina per il Gruppo Grotte della AXXXO: sabato 7 alla Lindner per il periodico recupero del “batocio” e domenica 8 in visita alla Jama pod Gavgami.

lindner

Nella Lindner

Se la Lindner è come un vecchio amico che vedi spesso (persino il sottoscritto l’ha visitata 2 volte nella sua brevissima esperienza speleologica), ma che hai sempre piacere di reincontrare, la cavità in territorio sloveno rappresenta una novità per il gruppetto (Luca, Teresa, Paolo Z., Paolo R. e Carolina) che, al motto di “presto dentro, presto fuori”, si ritrova di buon’ora per muovere alla volta di Lokev nei cui dintorni si trova la pod Gavgami.

pod_gavgami_2

Jama pod Gavgami

 

 

La grotta si presenta con un largo pozzo di ingresso profondo una trentina di metri che viene rapidamente armato in doppia da Luca e Teresa. Riunitici sul fondo, procediamo alla visita dei 2 rami che, sebbene non lunghi, sono un piacere per gli occhi, considerato quante e diverse sono le concrezioni. E tanto è il fascino della grotta che il nostro fotografo, dotato per l’occasione di un potente faro portatile con cui ci ha accecato un paio di volte, ammagliato da cotanta bellezza, dopo una sosta, ha calzato il casco all’incontrario con tanto di lampada ad illuminare la schiena invece che la via di progressione.

pod_gavgami_1

Jama pod Gavgami

Ammirate le maestose colonne e i segni evidenti di tumultuosi corsi d’acqua che scorrevano copiosi chissà quanti anni fa, concludiamo la nostra escursione fra le ampie caverne con un immancabile spuntino in cui si condividono il dolce e salato contenuto dei sacchi personali. In 3 ore scarse siamo nuovamente all’aria aperta.

 

Alla prossima

Paolo R.